mobilità condivisa

La mobilità condivisa sta cambiando il trasporto pubblico?

Mobilità

Al giorno d’oggi avere un’auto di proprietà è considerato uno spreco di risorse.

La maggior parte delle automobili sono inattive per il 95% della loro vita e rappresentano una delle più grandi spese familiari per una famiglia.

Prendendo in considerazione tutto, la proprietà privata delle automobili ha più costi nascosti che benefici, ma ci sono alternative al possesso di un’auto?

La tecnologia può rivoluzionare il trasporto pubblico, migliorando notevolmente la sicurezza e la mobilità urbana, riducendo al contempo i costi e gli impatti ambientali.

I benefici della mobilità condivisa

Un recente studio di Apta, l’agenzia americana dei trasporti pubblici, ha rivelato i benefici della mobilità condivisa combinata con il trasporto di massa e i risultati sono molto incoraggianti.

Lo studio dimostra che, se c’è la disponibilità di un transito efficiente nell’ultimo miglio, gli americani stanno abbandonando la proprietà delle auto.

Con le soluzioni di mobilità condivisa, è possibile controllare la densità del traffico nelle ore di punta e risparmiare spazi per il parcheggio.

Ciò ha implicazioni enormi per le città in quanto i trasporti sono la pietra miliare per lo sviluppo di città sostenibili.

Il ruolo di aziende come Uber e Lyft

Le aziende di mobilità condivisa sono solo all’inizio della loro vita.

Anche se Uber e Lyft sono presenti sul mercato solo da pochi anni, essi hanno avuto una crescita esplosiva, in gran parte a causa dell’accettazione positiva da parte degli utenti.

Durante questo periodo, la loro prospettiva verso il mercato è cambiata.

Inizialmente Lyft, Uber e Public Transit sono stati visti come elementi in competizione, in lotta per una quota del mercato.

Ma poi qualcuno ha iniziato a vedere i benefici di una collaborazione e ora si sta lavorando su API aperte e schemi di regolamentazione per sviluppare il futuro dei trasporti pubblici.

Le nuove app di mobilità consentiranno agli utenti di pianificare e scegliere il loro trasporto in tempo reale durante il transito.

Uber e Lyft condividono le loro informazioni di transito e i moduli di pagamento, offrendo in tal modo opzioni di transito alternative, non solo sulla propria app, ma anche sulle app dei partner, creando un’esperienza unica, senza soluzione di continuità.

Anche le agenzie di trasporto pubblico stanno sperimentando nuovi schemi di collaborazione.

A San Pietroburgo o in Florida, le corse di Uber vengono offerte a metà prezzo per raggiungere le fermate del trasporto pubblico.

In questo modo viene risolto il problema dell’ultimo miglio.

Il rapporto APTA dimostra che le persone che usano la mobilità condivisa hanno maggiori probabilità di utilizzare il trasporto pubblico di massa.

Piattaforme private di sharing economy vs la comproprietà

I leader di aziende come Uber esprimono un’ideologia esplicita di dominio e ambizione globale senza limiti.

I mezzi di sussistenza dei conducenti non sono la loro prima priorità, ed essi lanciano operazioni politiche su vasta scala che lavorano dietro le quinte.

Vestendo le loro strategie di sviluppo con termini come “condivisione” o “risoluzione di impegnative problematiche urbane”, le piattaforme private di sharing economy stanno spietatamente cercando il dominio con attività di lobbying.

Ma la mobilità condivisa è solo agli inizi.

Man mano che le persone inizieranno a vedere i benefici e ad adottare questa nuova cultura urbana, saranno disponibili altre opzioni di mobilità condivisa.

Alternative come il car pooling potrebbero avere risultati inaspettati e radicali nella coesione sociale e anche le altre opzioni come il car sharing potrebbero portare a grandi risultati nel mondo del trasporto dell’ultimo miglio.

pietro biase

L’innovazione, il web e la tecnologia fanno parte del mio mondo lavorativo e delle mie passioni. Mi piace pensare alle città intelligenti del futuro, e poter contribuire alla loro progettazione.